expo giappone I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Gli ultimi giorni di Expo sono stati i più affollati e caotici.

Il passaparola sulla qualità della manifestazione ha spinto un’infinità di persone a voler partecipare all’evento.

Male molto male.

 Per chi ancora non c’era stato perchè si è trovato di fronte a code di 6 ore e all’impossibilità di godersi a pieno la manifestazione.

E per me che avevo la speranza di visitare gli ultimi padiglioni importanti rimasti quali Giappone, Kazakistan, Padiglione 0  e Germania e invece non ci sono riuscita affatto o almeno solo in parte.

Dopo le chilometriche code del Giappone e del Padiglione 0 mi sono arresa e  ho deciso di  concentrarmi su padiglioni minori .

Ecco com’è andata 😉

Ultimi giorni di Expo Milano 2015: ecco i padiglioni che sono riuscita a visitare:

GIAPPONE

img 9678 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Al padiglione del Giappone la coda è sempre stata lunghissima.

La prima volta ho rinunciato per le 4 ore di fila ma durante gli ultimi giorni di Expo ce n’erano anche 12.

Mi è andata bene perchè alla fine delle 6 ore promesse ne ho fatte solo 4 😉

A cosa deve la sua fama questo sovraffollato sito espositivo?

Senza dubbio, ahimè, agli effetti scenografici degni delle tecnologie del Sol Levante!

Ma partiamo dal principio…

17.000 travi di legno perfettamente incastonate tra loro hanno ingannato la mia lunga attesa insieme ai simpaticissimi ragazzi giapponesi
addetti al padiglione che continuavano a ripetere “Ci dispiace!” 😀 (primo punto a favore!)

mg 0103 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

All’ingresso una dolcissima ragazza ci ha insegnato alcune parole ed usanze legate al Giappone.

Un piccolo trucco per mascherare gli altri 30 minuti di fila nascosti ai nostri occhi!

Non appena entrati è iniziato lo show!

Lo schermo si fronte a noi ha iniziato a  “macchiarsi” d’acquarello.

Un breve filmato ci presenta il tema  dell’acqua o almeno così credo (i caratteri giapponesi non li so leggere).

Un laghetto con le  carpe asiatiche viene investo da una pioggia di ideogrammi neri (probabilmente petrolio) che iniziano a liquefarsi e ad inquinare la purità dell’acqua.

Navigando sul sito di Expo, ho poi scoperto che si trattava dell’Aioi, cioè l’armonia naturale e il suo sconvolgimento da parte dell’uomo!!

mg 0110 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Nella stanza seguente un gioco di specchi, luci ed ologrammi  proiettati su grandi piatti giganti dalla forma simile ad un fiore  ci ha presentato  le quattro stagioni giapponesi!

mg 0131 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Dopo aver attraversato alcuni corridoi con pannelli esplicativi sugli usi, le tradizioni e
l’alimentazione giapponesi abbiamo raggiunto la Cascata della diversità: una vera e propria cascata virtuale dalla quale scendevano i piatti tipici della cucina giapponese che attraverso l’app di Expo si potevano  “catturare” così da scopriene i segreti!!

mg 0146 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

In un’altra stanza,invece, tramite dei grossi mappamondi e degli schermi interattivi  ci venivano mostrate le sfide per il futuro e le soluzioni ad alcuni problemi che affliggono il nostro Pianeta!

mg 0157 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

IL GRAN FINALE AL RISTORANTE VIRTUALE

La vera chicca di questo padiglione è stato il ristorante…virtuale!

Ci hanno fatto accomodare e abbiamo assistito ad un divertentissimo e coinvolgente show  in cui i protagonisti eravamo noi e le nostre scelte culinarie.

Appoggiando le bacchette sul piatto virtuale potevamo conoscere i segreti delle nostre pietanze preferite!

mg 0165 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Il vero scopo di questo teatro – ristorante era un altro: ritrovare l’armonia e il piacere
dello stare a tavola insieme.

Per affrontare il futuro dobbiamo essere uniti e quale modo migliore per stare insieme se non attorno ad una tavola imbandita?

Un messaggio commovente, semplice e basilare che purtroppo non è stato compreso da molti,anzi, è passato in secondo piano a causa degli “effetti speciali” del padiglione…

PADIGLIONE ZERO

mg 0282 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Lasciato l’Oriente mi sono fiondata al Padiglione 0, il “Masterpiece” (capolavoro) di Expo!

Nonostante ci fosse una marea di gente visto che erano gli ultimi giorni di Expo siamo riusciti ad entrare in sole 2 ore.

L’ARCHIVIO DELLA MEMORIA E LA STORIA DELL’UOMO

Ad attenderci subito dopo aver varcato la soglia c’era l’archivio della memoria.

Un enorme biblioteca di legno contente la memoria della Terra, dell’uomo e della sua storia sin dai primi passi.

mg 0207 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Da qui in poi abbiamo ripercorso tutta la storia dell’uomo e del suo rapporto con il cibo partendo dalla coltivazione dei cereali all’allevamento degli animali.

Addirittura è stato riprodotto un appezzamento di terra (vera!) con tutti gli strumenti utilizzati dall’uomo agricolo , un bellissimo mulino ad acqua e una raccolta di antiche giare in cui il cibo veniva conservato!!

Nel piccolo cortile esterno chiamato anche valle della Civiltà abbiamo trovato una rappresentazione in legno della Pangea, il super continente terrestre esistente nel periodo Paleozoico,  secondo me la metafora più azzeccata per rappresentare l’unione.

mg 0224 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Dalle colline (ispirate ai colli Euganei) che circondano il cortile  spunta un gigantesco albero che fonda le sue radici nelle sale sottostanti (quelle dell’agricoltura primitiva).

Il simbolo della supremazia della natura sull’uomo.

Il percorso ci ha condotto verso la rivoluzione industriale (nota dolente 🙁 ) dove dal tipico paesaggio rurale di campagna si arriva a metropoli del calibro di Chicago  con i suoi i pro e soprattutto i suoi contro!!

mg 0269 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

LA BORSA MONDIALE DEL CIBO

Una sala sicuramente attrattiva per le sue luci e i suoi colori ma che in pochissimi si sono soffermati a comprendere ( il pannello esplicativo era leggermente nascosto e solo in 2 ci siamo fermati a leggerlo) era la Borsa mondiale del Cibo.

Avete presenti quei film sulla Borsa dove centinaia di broker finanziari fissano dei pannelli con tanti numeri e nomi riguardanti l’andamento delle azioni?

mg 0273 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Ecco, immaginatevelo in formato XXL ma riguardante i dati sulla quotazione degli alimenti  ed il loro consumo.

In pratica mentre un tempo il cibo era necessario per la sopravvivenza dell’essere umano oggi è solo un oggetto da vendere quindi non si produce in base ai reali bisogni ma si sovra produce poichè l’unico vero fine è la vendita.

Da qui inevitabilmente nasce uno spreco infinito di risorse.

Al solo pensiero mi viene la pelle d’oca ma purtroppo è quello che facciamo ogni giorno.

Compriamo per sfizio, spinti da pubblicità e offerte senza pensare che probabilmente tutto quel cibo non ci serve e  finirà nella spazzatura.

Per questo nella stanza successiva ci siamo ritroviamo circondati dall’immondizia.

Non tutto è perduto e nell’ultima stanza vengono proposte delle ottime idee per migliorare il nostro rapporto con la natura ed assicurarci la continuità della nostra specie!!

mg 0276 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

RUSSIA

img 9647 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Dopo questa splendida esperienza tentiamo di raggiungere il Kazakistan, uno dei padiglioni che dovevo assolutamente vedere negli ultimi giorni di Expo ma purtroppo c’era una coda di 6 ore!

Così optiamo per la Russia… ovviamente oltre alle temperature anche gli schemi si fanno più rigidi e il cibo diventa scienza!!!

Le pareti erano tempestate dalle biografie degli scienziati che hanno contribuito a migliorare l’agricoltura  ed al centro del padiglione c’era un enorme laboratorio di chimica dove ci è stata servita la bevanda tipica russa: la Vodka (o analcolici per i deboli di stomaco!!)

img 9659 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Avviandomi verso l’uscita  sono rimasta senza parole: una gigantesca tavola periodica, ovvero (per chi non ha studiato chimica e biologia) lo schema che racchiude tutti gli elementi fin’ora conosciuti in base a delle loro specifiche caratteristiche ideata dal chimico russo Mendeleev.

img 9660 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Fin qui nulla di eccezionale se non che la tavola era in grado, attraverso l’immagine dell’alimento corrispondente all’elemento, di far comprendere che la chimica non è solo sinonimo di artificiale e sintetico come tutti crediamo ma che è parte integrante della natura.

Dobbiamo solo aiutarla a ritrovare la sua vera strada per poterci sostenere e non ostacolare!!

img 9665 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

STATI UNITI

img 99602 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Dopo la Russia ripieghiamo sugli U.S.A. da cui mi aspettavo molto molto di meno tanto che non volevo sprecarci del tempo visto che erano i miei ultimi giorni di Expo!

Nella prima parte c’è solo da interagire ed ascoltare (passavano quasi tutti oltre…)

In alcuni video i membri del governo degli Stati Uniti ci “raccontano” di come negli ultimi anni la sana alimentazione sta davvero prendendo piede grazie anche ad alcuni piccoli accorgimenti come quello di far mangiare più verdure nelle scuole americane.

mg 0413 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Nella seconda parte attraverso un genialissimo percorso a zig zag, maxi schermi e animazione ci hanno fornito una panoramica della cultura culinaria americana fatta di tradizioni portate dagli immigrati e specialità provenienti da ogni Stato.

Il futuro dell’alimentazione americana sta già cambiando radicalmente grazie a fast food biologi, ristoranti farm to table (km 0) e l’idea più favolosa che io abbia mai sentito ” l’orto sul tetto”.

Immaginatevi i grattaceli di New York  indossare un biologico cappello verde…che meraviglia!! *_*

mg 0416 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

BRASILE

img 9910 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Dal verde degli States al verde della foresta Amazzonica in Brasile!!

Bene…il padiglione del Brasile è stato sicuramente il più acclamato di tutta Expo per la sua furba trovata della “rete”…

img 9912 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Eh si, il percorso prevedeva una passeggiata lungo una robustissima rete sospesa al di sopra di alcuni esemplari delle più importanti piante brasiliane.

Una passeggiata per modo di dire perchè percorrerla non era molto facile.

Dovevamo stare attenti ad ogni passo altrimenti non ci saremmo mai dimenticati degli ultimi giorni di Expo (una gamba rotta non sarebbe stato un bel ricordo).

Una bambina è addirittura rimasta incastrata con il piede.

img 9925 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Io personalmente ho riso tutto il tempo come una matta.

Non vi ho trovato la chiave per collegarla al tema “Nutrire il Pianeta”.

Secondo alcuni la rete dovrebbe simboleggiare l’unione tra tutti i popoli oppure potrei azzardare “aiutiamoci l’un l’altro”.

Il percorso non era semplice e molti si trovavano in difficoltà ma se tentavi di aiutarli cadevi pure tu…assurdo…:(

Il padiglione proseguiva poi all’interno dove erano esposti i prodotti tipici della cultura alimentare brasiliana e mostrate le loro tecniche di produzione.

Non mi ha convinto molto, divertente ma niente di più…

img 99191 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

MAROCCO

L’altro padiglione che sono riuscita a visitare durante gli ultimi giorni ad Expo è quello del Marocco.

Davvero ben fatto, la forma ricordava quella delle città Imperiali e in un baleno ci si ritrovava nelle regioni marocchine ognuna con il suo clima, i suoi sapori e i propri prodotti alimentari.

img 9601 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Entrando nelle zone del sud un vento di aria calda ci introduceva alla vita arida del deserto ma non per questo priva di frutti!!

E’ stato un vero viaggio alla scoperta del Marocco e soprattutto di tutti i prodotti che è in grado di offrirci…

img 9628 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015

Come gran finale all’esterno ci attendeva un giardino tipico della cultura araba in cui ci siamo rilassati gustando un freschissimo tè alla menta, biscotti al cocco, mandorla e cannella… cosa si può chiedere di più dalla vita?

Un bel modo di riposarsi dopo le fatiche dovute al sovraffollamento degli ultimi giorni di Expo.

img 9639 I padiglioni che ho visitato negli ultimi giorni di Expo Milano 2015


Purtroppo non sono riuscita a visitare due padiglioni simbolo della manifestazione il Kazakistan e la Germania a causa delle infinite code degli ultimi giorni di Expo ( ci vorrebbe la macchina del tempo)….

Continuo comunque a ribadire che è stata un’esperienza unica, istruttiva, emozionante che ha lasciato il segno.

Peccato per chi se l’è persa purtroppo non ci sarà un bis altrimenti avrei già i biglietti in mano!;)

Silvia♥

EXPO I PADIGLIONI meno famosi  DA NON PERDERE 

PRIMA GIORNATA AD EXPO – LE MIE IMPRESSIONI

Ciao, aiutami a condividere :)