mont saint michel view 620x420 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

Mont Saint Michel: l’abbazia, l’isola, la marea e San Michele

 Mont Saint Michel ieri punto strategico, oggi patrimonio dell’umanità, un luogo senza pari che ha completamente stregato il mio cuore!

L’isola che non c’è … e c’è …

img 3241 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

Mont Saint Michel è sicuramente l’isola / non isola più famosa del Mondo! 😀

Una città – abbazia costruita sulla roccia che attrae milioni di visitatori da ogni parte del Globo.

Deve la sua celebrità al singolare passatempo della marea che, avanzando e retrocedendo, crea dei paesaggi sempre nuovi e senza pari!

Un luogo che solo un Santo poteva designare…

SAN MICHELE

img 3097 1024x684 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

 Non si può dire che l’arcangelo San Michele non abbia buon gusto!

Quale luogo migliore poteva scegliere per far costruire il suo santuario?

Per ovvie ragioni, non poteva costruirselo da solo…

Così, nel 709 apparve in sogno al vescovo di Avranches (Sant’Oberto) chiedendogli di edificare una chiesa in suo onore sul Mont -Tombe (così si chiamava allora).

Per bene due volte il vescovo non adempì alla richiesta (credo che non conoscesse il detto “Alla terza canta in gallo” 😉 )

Per convincerlo, San Michele, gli bruciò il cranio con un dito!!!!

P.S. Il cranio forato è ancora conservato nella Cattedrale di Avranches…

La nostra Mont Saint Michel prende vita !

img 3346 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

Solo un pazzo, dopo tale avvertimento, non avrebbe ascoltato le richieste del Santo.

Inizialmente gli venne costruito un piccolo santuario dentro ad  una grotta…

… diventato poi un’abbazia (con tanto di monaci benedettini ) grazie ai duchi di Normandia.

Con il passare del tempo divenne un luogo di pellegrinaggio molto in voga e un punto strategico non indifferente (al confine con la Bretagna).

Ben presto vi sbocciò un villaggio per poter accogliere i fedeli in visita e una cinta muraria ben equipaggiata per proteggerlo.

Mont Saint Michel era nata!

Nel 1987, con la posa della bellissima statua dorata di San Michele sulla guglia del campanile, viene completata l’opera (ora l’arcangelo sarà soddisfatto!).

Come spesso accade, la collaborazione tra uomo e natura crea qualcosa di davvero speciale!

ALCUNI CONSIGLI PRIMA DI PARTIREimg 3408 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

A Mont Saint Michel le cose sono molto cambiate.

Fino a qualche anno fa si dovevano scrupolosamente controllare gli orari delle maree per non rischiare di rimanere a dormire sull’isola (!)

Oggi grazie al nuovo ponte di circa 2km potete tranquillamente restare tutto il tempo che volete e gustarvi tutte le sfaccettature del “monte”!

Il parcheggio è gigantesco quindi non credo che troverete problemi a parcheggiare (la sera è addirittura quasi deserto).

Da qui parte una navetta 24h/24h che vi accompagna alle porte della città-fortificata.

Vale la regola di arrivare molto presto la mattina così da trovare la città semi deserta!

♥ APPUNTAMENTO CON L’AMORE ♥
img 2903 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

Mont Saint Michel è stata una delle tappe più desiderate del nostro TOUR DE FRANCE !

Siamo arrivati di tardo pomeriggio, stanchissimi e su due piedi abbiamo deciso di visitarla il giorno seguente!!

Io non ho resistito, sono andata a sbirciare e me ne sono innamorata!!

Sabbia, un oceano di sabbia circonda le possenti mura di cinta interrotte solo dai massicci torrioni …

I tetti grigi medievali fanno capolino dal nascondiglio in cui si trovano curiosi di vedere cosa c’è al di fuori della mura…

Gli alberi e le rocce spuntano da ogni lato come se uno scultore armato di scalpello e fantasia, avesse deciso di abbellire questa montagna di pietra decorandola a suo piacimento…

Qualcosa di ancora più incredibile attira la nostra attenzione.

Le mura diventato altissime e convogliano in un campanile dalla punta affilata.

E li, sulla vetta, ai confini con il cielo, l’arcangelo Michele si prostra ai suoi devoti .

Più che impugnare una spada sembra impugnare una bacchetta magica … perchè solo una magia può trasformare questo luogo in realtà!

IL VILLAGGIO

img 3187 1024x684 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

E’ il momento di varcare la soglia.

La città è tutta in salita.

Le strade strette di pietra sono contornate dai negozietti di souvenir e dai ristoranti in tipico “medieval style” con tanto di insegne in ferro battuto.

Tutte le strade portano all’abbazia perciò ci lasciamo trasportare dalle nostre gambe scoprendo  vicoli nascosti che passano da una parte all’altra della montagna.

Camminiamo sopra le case…sempre più su…fino a raggiungere l’ingresso dell’abbazia!

L’ABBAZIA

img 2932 1024x684 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

L’abbazia è decisamente enorme, non si  finisce mai di visitarla ed ogni stanza è più bella dell’altra.

Si sale e si scende a non finire, ritrovandosi in terrazze panoramiche da urlo, incantevoli cortili , stanze austere, sale dei cavalieri, cripte….

con la audio guida mi sono davvero goduta la visita senza stancarmi troppo!

Appena usciti ci fermiamo ad osservare la gente che passeggia per l’enorme distesa di sabbia che cinge Mont Saint Michel…tra poche ore sarà ricoperta d’acqua…!

Nel frattempo le vie della città straboccano di gente e la fila per entrare nell’abbazia è di circa 2 ore…siamo stati proprio fortunati!

Riscendere è un’impresa, bisogna farsi largo tra la folla e trovare un ristorante libero è impossibile (per oggi panino).

Nonostante questo Mont Saint Michel è adorabile!

Con tutta questa gente  sembra di rivivere una tipica giornata di festa medievale!

Ripercorriamo tutto il ponte (ma a piedi stavolta) così da inoltrarci nella baia (con prudenza potrebbero formarsi delle sabbie mobili) !

img 3177 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

 

Tempo di gustare una succulenta crêpe e ed ora di tornare sul ponte..

Sta arrivando l’alta marea…

ARRIVA L’ALTA MAREA

img 3300 1024x684 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

 La marea arriva davvero con una velocità impressionante e in poco tempo raggiunge l’isola ed inizia a circondarla…

E’ uno spettacolo suggestivo….

Sono rimasta per circa un’ora ad osservare questo straordinario fenomeno e non ero l’unica..

Anche gabbiani  e aironi attendono con ansia la risalita della marea…la cena è quasi servita!

Quel giorno l’alta marea ha raggiunto gli 11 metri.

Non è il massimo ma è bastato a circondare le mura…

E comunque rende benissimo l’idea di quanto sia sconvolgente la forza dell’acqua e del suo avanzare…non vorrei mai trovarmici in mezzo!

collage Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

LA NOTTE A MONT SAINT MICHEL

img 3497 1024x684 Mont Saint Michel: l'abbazia, l'isola, la marea e San Michele

Decidiamo di goderci Mont Saint Michel fino in fondo…

Non possiamo andarcene senza vederla di notte… e non resteremo delusi …

Non appena Luna manda a riposare suo fratello Sole tutta l’abbazia si illumina e noi restiamo increduli a fissarla ammaliati da tanta perfezione come bambini che ricevono il regalo tanto desiderato…

La nostra giornata è giunta al termine.

Dovremmo essere tristi invece abbiamo il sorriso fino alle orecchie e gli occhi che brillano…

… sicuramente è uno degli incantesimi di  San Michele ! 🙂

Silvia♥

Ciao, aiutami a condividere :)
  • 13
    Shares

13 comments

  1. Max510 10 Ottobre, 2015 at 01:13 Rispondi

    Mont Saint Michel… luogo magico !
    Ho avuto la fortuna di passarci la notte, quasi vent’anni fa, con la moto parcheggiata sotto le mura e la marea che invadeva ancora il livello più basso dei vecchi parcheggi… uno spettacolo unico !
    Inoltre, dormendo lì, ho potuto visitare con calma l’Abbazia il mattino presto, senza code… e la sera prima aggirarmi tra i vicoli e sulle mura senza tutta la massa giornaliera… indimenticabile !
    Quest’anno sono rimasto un pò shocckato dalla “chiusura” che hanno creato… mi sono infilato in stradine di campagna per poterla rivedere in modo decente… Forse han fatto il suo bene a renderla inaccessibile ai mezzi privati, ma il fascino di quella prima volta resta ineguagliabile.
    A Bientot
    Max

  2. volodirondine 11 Ottobre, 2015 at 09:58 Rispondi

    Nel 2011 sono partito in moto da Napoli per arrivare a Tours e fare i castelli della Loira… Dopo aver visitato sei castelli, tutti magnifici, ho proseguito per la Normandia e la prima tappa è stata Mont Saint Michel! Un posto che sa di meraviglia pura! Se non ci si va, non si riesce a capire la bellezza unica di questo posto… Mi ero organizzato per capitare nel periodo delle maree e così ho avuto modo di vedere questo spettacolo incredibile… Quell’onda che arrivava da lì dove fino a poco tempo prima passeggiavo per fare fotografie… Piano piano tutto si riempiva ed io restavo ammaliato da questo scenario! Esperienza straordinari 🙂

  3. traslocando 29 Ottobre, 2015 at 07:17 Rispondi

    Un bellissimo racconto di un luogo che vorrei tanto vedere. Grazie per avermi portato lì, in attesa di andarci davvero (e grazie di essere passata nel mio appartamentino virtuale, ti aspetto per un tè 😀 ).

  4. L'Irriverente 3 Dicembre, 2016 at 23:23 Rispondi

    È davvero un posto unico al mondo. Mi ricordo da un libro di geografia il dato statistico: quattordici metri di dislivello tra alta e bassa marea. Non è un caso che per un periodo il monastero fosse stato usato come prigione: l’evasione era praticamente impossibile.

Leave a reply